Commenta per primo

Sirene tedesche per Mattia Destro: il Wolfsburg sembra pronto a offrire 15 milioni di euro per l'attaccante italiano in comproprietà fra Genoa e Siena, conteso sul mercato da Inter, Juventus e Roma.


19.00 Ultima giornata di calciomercato dedicata alle compartecipazioni. All'uscita dagli uffici della Saras, Massimo Moratti ha risposto, brevemente, alle domande dei giornalisti sui temi più di stretta attualità.

Presidente, Enrico Preziosi voleva dare Mattia Destro all'Inter, ora dice che giocherà nel Siena la prossima stagione; che cosa è successo?
"Non lo so, sapranno di più loro".

Ha ancora speranze?
"Guardi, non che si speri... Sto seguendo il mercato, niente più".

Dicono che sono cambiati i patti, ma c'era un patto per Destro all'Inter?
"Lo chieda a Preziosi, non lo so".
(inter.it)


18.00 Dopo l'incontro di oggi pomeriggio con Massimo Moratti per Mattia Destro, il patron del Genoa, Enrico Preziosi, sbotta: "Destro giocherà al 100% nel Siena l'anno prossimo. Il Siena lo ha voluto, e adesso Mezzaroma se lo tenga e se lo goda. Destro resterà al Siena, perché non andrà mai in un club che non sia quello deciso da me (Inter, ndr). Non andrà mai dove non dico io (Juve o Roma, ndr)". Ricordiamo che il Genoa aveva di fatto ceduto Destro proprio all'Inter, prima che il Siena esercitasse il diritto di opzione per rilevare la metà del cartellino del giocatore. L'operazione del Siena (spalleggiato, dietro le quinte, dalla Juventus o dalla Roma?) ha spiazzato sia il Genoa che l'Inter. Preziosi non ci sta e (d'accordo con Moratti?) intende rendere la vita difficile al Siena. Per quanto riguarda la Juventus, però, Preziosi precisa: "I rapporti sono buoni e con noi si è sempre comportata in modo molto corretto". 

Per quanto riguarda altre operazioni di mercato discusse fra Genoa e Inter, Preziosi conferma: "Tutto risolto per Kucka e Longo". Il prima torna tutto del Genoa, il secondo al 100% un giocatore dell'Inter. 
 

17.30 Oggi pomeriggio incontro Inter-Genoa per Mattia Destro, del quale parla anche Stefano Antonelli, ds del Siena, la società che insieme al Grifone detiene il cartellino dell'attaccante. "Chi lo vuole deve parlare di cose concrete, nei prossimi giorni ci saranno le idee più chiare - spiega a Radio Manà Manà Sport -. Il calciatore sa che Inter, Juventus e Roma sono soluzioni straordinarie. Sono tre grandi club, uno vale l'altro per il giocatore. Il ragazzo vuole andare in una squadra che gli possa permettere continuità, di giocare e di migliorare. Zeman, Stramaccioni o Conte sapranno valorizzarlo al meglio. Adesso però si dovranno calmare un po' le acque".

17.00 E' terminato l'incontro Inter-Genoa. Il presidente nerazzurro Massimo Moratti è uscito in auto senza rilasciare dichiarazioni.

15.00 E' iniziato un vertice di mercato tra Massimo Moratti ed Enrico Preziosi, come rivela Gazzetta.it. In ballo ci sarebbe il futuro di Mattia Destro, attaccante di scuola nerazzurra in comproprietà fra il Genoa e il Siena. L'Inter prova a stringere i tempi, puntando sui buoni rapporti con il Grifone, ma la società nerazzurra deve fronteggiare la concorrenza della Juventus (che punta sui buoni rapporti con il Siena) e della Roma

La Juventus ha indicato chiaramente Destro fra gli obiettivi di mercato, mentre la Roma sta lavorando sotto traccia ma ci pensa anch'essa seriamente. 
 
Di Destro ieri aveva parlato Marco Branca, direttore dell'area tecnica dell'Inter: "La situazione contrattuale di Destro fra Genoa e Siena non ci riguardava direttamente. Tempo fa avevamo impostato con il Genoa un discorso per entrare nella compartecipazione di Mattia Destro, giocatore che conosciamo bene. Ora però dobbiamo tornare al discorso delle valutazioni, perché a Destro pensiamo, ma dobbiamo sempre mettere davanti il prezzo del cartellino. Destro è un giocatore di grandi prospettive, è vero che c'è crisi di ruolo, ma le qualità di Mattia non sono discutibili, però le questioni economiche sono condizionanti. Stiamo valutando anche altre soluzioni per l'attacco. Tengo a chiarire che i nostri rapporti con il Genoa sono ottimi semplicemente perché il Genoa ha rapporti ottimi con la maggior parte delle società. Preziosi è un appassionato di calcio, mi sembra che per esempio con il Milan abbia rapporti altrettanto ottimi".