122
Settimana importante per l'Inter in ottica cessioni. Se il tormentone Alexis Sanchez sta per finire, ce n'è uno che avrà bisogno ancora di un po' tempo prima di concludersi. Ovvero quello legato ad Andrea Pinamonti. L'ex attaccante dell'Empoli è stato oggetto di desiderio da parte di molti club come Salernitana e Monza, che però non hanno convinto il giocatore. Pinamonti infatti aspetta l'Atalanta, ha respinto qualsiasi altra destinazione fiducioso che i due club trovino l'accordo. A cambiare le carte in tavola però potrebbe essere il Sassuolo, che già dopo la cessione di  Gianluca Scamacca al West Ham aveva fatto i primi sondaggi per il centravanti nerazzurro.

L'INTRECCIO CON RASPADORI - L'interessamento degli emiliani potrebbe concretizzarsi in qualcosa di più se dopo la partenza di Scamacca, anche Giacomo Raspadori lasciasse Sassuolo. Sia Juventus che Napoli si stanno muovendo per il 22enne e se una delle due affondasse il colpo, ci sarebbe una pretendente in più per Pinamonti. Carnevali, l'ad dei neroverdi, avrebbe sia lo spazio in rosa che le risorse economiche per presentarsi in Viale della Liberazione con l'offerta da 20 milioni di euro (ovvero la cifra chiesta dall'Inter). A differenza dell'Atalanta che fino ad ora si è fermata a 15 milioni (inclusi i bonus) e soprattutto è riluttante a concedere all'Inter il diritto di recompra. 
IL FATTORE DECISIVO - Uno stallo tra l'Inter e l'Atalanta che ormai dura da settimane. Nonostante ciò i bergamaschi continuano ad essere fiduciosi sul buon esito della trattativa, forti di avere il sì del giocatore, fattore decisivo di questa operazione. Per questo, la squadra di Gasperini rimane in pole position ma attenzione al Sassuolo. La storia degli ultimi anni racconta che il club emiliano sia spesso il giusto trampolino di lancio, soprattutto se sei giovane, italiano e talentuoso, proprio come Pinamonti.