Inter-Sassuolo sarà speciale. In occasione della partita di questa sera a San Siro inizialmente prevista a porte chiuse per i buu razzisti contro Koulibaly, lo stadio 'Meazza' accoglierà oltre 10 mila bambini nel primo anello per lanciare un ulteriore segnale contro ogni forma di discriminazione e violenza. 

Ad assistere alla gara saranno presenti bambine e bambini delle scuole milanesi, del network Scuole Calcio Inter (Centri di Formazione nerazzurri e Inter Grassroots Program affiliati FIGC) e del Centro Sportivo Italiano. Proprio il CSI ha comunicato: "L'invito è di mantenere un comportamento corretto da parte di tutti i partecipanti, evitando cori e atteggiamenti non consoni all'evento sportivo, pena l'allontanamento dalle tribune". 

Sugli spalti ci saranno anche il ministro Bussetti con la figlia di 12 anni, ragazzi e ragazze del progetto 'Io Tifo Positivo' per riaffermare costantemente valori come il rispetto reciproco e la tolleranza, 'Quarta categoria', realtà che Inter e Sassuolo sostengono a favore dei ragazzi con disabilità intellettiva-relazionale e il progetto 'Rete!', l'iniziativa avviata dalla Federazione Italiana Gioco Calcio con il proprio Settore Giovanile e Scolastico, finalizzata a favorire i processi di inclusione e integrazione sociale attraverso il calcio.