77
La Juve cerca una punta. E sul tavolo di Fabio Paratici ci sono tante schede in fase di valutazione, con altrettante trattative più o meno avviate. Tra queste anche quella che parla di una vecchia conoscenza bianconera, tanto per cambiare: Fabio Quagliarella. Un'idea concreta, contatti avviati, trattativa non impossibile. Ma nemmeno così semplice come si potrebbe immaginare. Chiara la richiesta della Sampdoria e le condizioni che devono verificarsi per lasciar partire il capitano blucerchiato. Altrettanto chiare le richieste del centravanti. Così come non sembrano esserci troppi margini di manovra per la Juve. Si gioca a carte scoperte, ma questo al momento non è sufficiente per accelerare. 
 
 


TRA CLUB - La Sampdoria vorrebbe un milione di euro di indennizzo, la Juve non vorrebbe andare oltre i 500 mila euro considerando anche l'età del giocatore e la sua situazione contrattuale, ma un'intesa in tal senso non sembra impossibile da raggiungere magari con l'ausilio dei soliti bonus. In casa Samp in ogni caso c'è bisogno di aspettare la certezza del sostituto, non facile da individuare sul mercato di questi tempi. Anche perché, nel caso in cui le condizioni di Manolo Gabbiadini continuassero a destare preoccupazioni, le punte da cercare sul mercato in caso di cessione di Quagliarella sarebbero addirittura due. Serve tempo, insomma. 
COL GIOCATORE - Anche se non risultano contatti diretti con l'agente Beppe Bozzo, l'ipotesi di un passaggio alla Juve non lascerebbe indifferente Quagliarella. Ma anche lui ha delle richieste ben precise. Non tanto economiche, quanto di durata del contratto. In questa fase sta trattando il rinnovo con la Samp, la sua intenzione è quella di continuare ancora a lungo. Ecco perché vorrebbe un accordo di 18 mesi, non solo di 6 mesi come avrebbe in mente la Juve guardando alla sua carta d'identità. Insomma, Juve, Samp e Quagliarella ci stanno pensando. Ma c'è ancora molto di cui parlare.