206
Alle 15 incontreranno il loro passato. Walter Zenga ha vestito la maglia della prima squadra dell'Inter dall'82 al '94 e, a detta sua, quella di oggi "non sarà una partita come tutte le altre". Portiere nello Scudetto dei record con Trapattoni in panchina, ha alzato anche la Coppa Uefa nel '93-'94, prima di lasciare Milano e la sua Inter e approdare nella Genova blucerchiata. Alla Sampdoria è rimasto due anni, nei quali ha giocato con Roberto Mancini, che in Liguria ha scritto la storia vincendo uno Scudetto e sfiorando una Coppa dei Campioni, perdendo in finale con il Barcellona. 

La Sampdoria dell'ex Uomo Ragno e l'Inter del Mancio si sfideranno per riprendere il loro cammino. Entrambe sono reduce da due sconfitte: Eder e compagni hanno perso contro l'Atalanta nel match di lunedì sera, mentre i nerazzurri sono stati distrutti dalla Fiorentina di Paulo Sousa. A Marassi la Samp non ha mai perso: 3 vittorie su 3 contro Carpi, Bologna e Roma. Un test importante per la squadra di Mancini, vogliosa di riscattarsi dopo le critiche ricevute per la gara contro la Viola.

Gara dal siginificato particolare anche per Icardi, che con la Samp ha fatto il suo debutto in Italia: con la tifoseria non si è lasciato bene. Sul fronte opposto, invece, c'è Antonio Cassano, tifoso nerazzurro ed altro ex della gara. Con Muriel a mezzo servizio, Fantantonio può trovare spazio.