66
L'Inter guarda al presente con la rincorsa alla Champions League che sarà fondamentale per guardare al futuro con serenità e, soprattutto con un progetto tecnico e sportivo all'altezza degli obiettivi posti dalla proprietà. Antonio Conte lo sa, ha promesso che non deluderà, ma ha anche chiesto innesti importanti in ogni zona del campo e se il colpo Hakimi è già stato piazzato sono ancora tante le trattative in corso d'opera. In particolare l'ad Beppe Marotta e il ds Piero Ausilio si stanno concentrando sul come rinforzare un reparto d'attacco che, quest'anno, è stato fortemente in sofferenza.

TERZA/QUARTA PUNTA -
L'Inter ha la necessità di avere in rosa per la prossima stagione una terza o ancor meglio quarta punta di altissimo livello. Se ci sarà l'opportunità di riscattare Alexis Sanchez, ad esempio, l'Inter percorrerà questa strada, ma non è escluso che i rinforzi nel reparto possano/debbano essere due. Per questo, riporta la Gazzetta dello Sport è tornato di moda il nome di Mario Mandzukic, ufficialmente svincolatosi dall'Al Duhail e vecchio pallino di Antonio Conte. Arriverebbe gratis, aggiungerebbe fisicità e personalità, doti che spesso sono mancate in questa rosa e rappresenterebbe un'occasione che il club nerazzurro ha iniziato a valutare.
INTRECCIO JUVE - L'attaccante croato sarebbe soltanto l'ultimo degli ex-Juventus a cui l'Inter sta provando ad attingere per competere proprio con i bianconeri su tutti i livelli, ma questi intrecci non sono destinati a finire. Anzi, come riporta Tuttosport, la trama si infittisce con il club bianconero che sta pensando di soffiare ai nerazzurri Andrea Pinamonti. L'attaccanto oggi è ufficialmente di proprietà del Genoa, ma l'Inter vanta per lui un diritto di riacquisto da 21 milioni di euro che, oggi, ha problemi ad esercitare. O meglio, l'Inter sta prendendo tempo con l'obiettivo di spostare il proprio budget su altri obiettivi come Sandro Tonali. In questo vuoto la Juventus sta provando ad inserirsi, ha contattato Raiola ed è pronta ad offrire al Genoa il cartellino di Perin o altri giocatori per completare un clamoroso scambio. L'Inter attende la mossa ufficiale prima di prendere una decisione, ma gli intrecci per l'attacco si infittiscono.