3
Pochi giorni per riflettere, ma il futuro sembra già stabilito. Miro Klose resterà alla Lazio un altro anno, rispetterà il prolungamento del contratto scattato a gennaio, giocherà la Champions League con la maglia biancoceleste. L’ha inseguita e conquistata sul campo, ha spinto il club verso l’Europa che conta, non ha nessuna intenzione di mollare sul più bello. Le sensazioni dunque sono positive, a breve verrà comunicata la decisione finale, ma il diesse Tare non ha dubbi: «Non ha mai espresso il desiderio di andare via, sarà con noi anche la prossima stagione». Musica per le orecchie di Stefano Pioli (rinnovo fino al 2018 e netto adeguamento economico), la Lazio potrà contare nuovamente sul panzer tedesco. Al San Paolo ha chiuso il discorso qualificazione, ha realizzato 13 reti in campionato e 3 in Coppa Italia, ha ritrovato continuità dopo l’infortunio di Djordjevic. Una media spaventosa, è il secondo attaccante d’Europa con almeno 10 gol all’attivo, Lotito farà di tutto per trattenerlo. Da settembre dovrà affrontare tre competizioni, si ritaglierà lo spazio necessario per mettersi in mostra. Klose è un classe 78’ (il 9 giugno festeggerà 37 anni), s’è ambientato benissimo nella Capitale, i due gemelli (Noah e Luan) crescono e si allenano con i pulcini biancocelesti, non c’è nessun motivo per cambiare aria proprio adesso. Tra qualche anno poi tornerà in Germania, è già pronta la panchina di una Nazionale giovanile, ma il futuro per il momento dice ancora Lazio. La società prenderà comunque un attaccante, non Gignac: l’ingaggio richiesto dall’entourage del francese resta proibitivo (3 più bonus), il Galatasaray è in pole position.