74
Beppe Marotta, amministratore delegato dell'Inter, è intervenuto a Dazn prima della sfida con il Torino: "Che reazione di aspettiamo dalla squadra? Deve essere più forte delle ultime prestazioni. Da questo punto di vista c’è serenità, abbiamo affrontato i problemi e oggi dobbiamo regalare soddisfazioni alla società, ai tifosi e a noi stessi".

VOCI SU UN MANDATO DELLA FAMIGLIA ZHANG PER LA CESSIONE - "Cosa c'è di vero? Queste notizie sono ormai due anni che circolano. Posso solo dire che la famiglia Zhang ama l’Inter e ha rispetto dei tifosi, sa cosa deve fare per garantire presente e futuro. L’area tecnica di cui sono responsabile deve essere esente da queste considerazioni perché tutto è sempre garantito nel migliore dei modi. Oggi le risposte le aspettiamo dalla squadra, non certo dalla proprietà".
SMENTISCE? - "Sono cose che sono sopra la mia testa, non entro nel merito di quelle che sono le strategie della proprietà. Posso che il futuro è garantito e che la famiglia Zhnag non verrebbe mai meno a questo tipo di impegno".

CONFRONTO CON LA SQUADRA - "Toccati i lati del carattere e della cattiveria? I confronti sono quotidiani, attraverso anche i video per eliminare gli errori fatti, ma servono anche dal punto di vista psicologico per cercare le miglior motivazioni al fine di raggiungere il risultato positivo. Si è lavorato molto sulla mente e sulla tattica, è un’opera che in primis ha svolto Inzaghi con il suo staff e noi come società abbiamo l’obbligo di supportarlo. C’era l’esigenza di un confronto e l’abbiamo fatto. Bisogna rispettare il lavoro di Inzaghi".