119
Futuro incerto per Mattia Caldara, attualmente in prestito dal Milan all'Atalanta. Secondo le ultime indiscrezioni raccolte la società nerazzurra non sarebbe intenzionata a riscattare il difensore centrale dal Milan.  I molteplici infortuni hanno tenuto lontano dai campi il  26enne per quasi due anni e questo ha influito molto sia sulla psiche che sul fisico di quello che veniva considerato come uno dei difensori più importanti dell'intero panorama calcistico italiano.


I PROGETTI DELL'ATALANTA - Alla base della decisione dell'Atalanta (ancora non definitiva) ci sarebbero delle valutazioni tecniche e, soprattutto, economiche.  La cifra richiesta di 15 milioni peserebbe troppo sul bilancio nerazzurro, per un giocatore che purtroppo non è mai riuscito a ritrovare la forma ottimale. Il direttore sportivo Sartori ha anche già perfezionato l'acquisto del difensore del Malmoe e della nazionale bosniaca Anel Ahmedhodžić che andrebbe a rimpiazzare in rosa proprio Mattia Caldara.

PROBLEMA PER IL MILAN - Non è da escludere che quella dell'Atalanta possa rivelarsi una mossa di mercato: i nerazzurri potrebbero riaprire le trattative per puntare a un prezzo più basso, una volta archiviato il riscatto o chiedere l'estensione del prestito per un'altra stagione. Mattia Caldara non rientra nei piani di Stefano Pioli e toccherà a Maldini capire cosa fare con il difensore che ha ancora altri due anni di contratto con il Milan.