132
Così Rino Gattuso ha commentato a Sky Sport la sconfitta del suo Milan contro l'Inter: “Ai punti sicuramente l’Inter meritava qualcosa in più di noi. Se la partita finiva 0-0 c’erano tante cose buone da portare a casa, abbiamo giocato un calcio che non ci piace giocare, la squadra è stata brava. Potevamo uscire dalla loro pressione con più coraggio, avevamo paura a volte. Fino al 92’ la squadra ha saputo soffrire, giocare contro di loro e avere tanti calci piazzati contro non è facile, abbiamo tenuto botta bene. I rimpianti sono per gli ultimi 15 o 20 minuti, abbiamo sfruttato male le ripartenze. Uscito male Donnarumma? C’è l’errore di Musacchio, di Abate, Romagnoli scivola troppo presto, le colpe sono di tutti, oggi ci lecchiamo le ferite e guardiamo avanti, è una lettura sbagliata, non abbiamo perso la partita solo per Donnarumma. Abbiamo avuto poco coraggio, l’Inter ha giocato meglio. Calcio che non ci piace? Troppi contrasti, tante volte devi rincorrere, facciamo fatica, potevamo palleggiare meglio e nel secondo tempo l’abbiamo fatto, tante volte non siamo usciti in modo pulito. Cutrone più vicino a Higuain? L’ho fatto entrare per Calhanoglu perché era affaticato, aveva speso tanto, non volevo cambiare l’assetto tattico. La squadra ha dato tanto, ha dato tutto, mi è piaciuta sotto questo aspetto, fisico e mentale, di fare battaglia. Oggi parliamo del risultato e l’Inter meritava qualcosa in più, ma anche noi abbiamo avuto le nostre palle. Il rammarico più grande sono gli ultimi 15-20 minuti, poi abbiamo sbagliato le ultime scelte dopo aver intercettato buone palle. È questo il rammarico più grande”.